Sul raduno: grazie a tutti, di cuore!
Pubblicato da Sergej il 13 luglio 2009 in Riflessioni

Sabato, come saprete, si è tenuto a Livorno, presso il Circolo “Arena Astra”, il secondo raduno de ilDeposito.org.
Che dire?
La serata è andata benissimo. Contando tutte le presenze, comprese le persone che purtroppo non sono potute rimanere a cena, saremo stati circa 80.
Ottanta persone che hanno cantato, parlato, condiviso un momento che è stato, almeno per me, veramente speciale.
Per diversi motivi..

C’è innanzitutto la soddisfazione per i “risultati” raggiunti da ilDeposito che comunque sento una “mia” creazione, per quanto ovviamente tutto questo sia possibile solo grazie alle persone che mi aiutano quotidianamente, Roberta su tutti. Il sito è online da quattro anni e mezzo e organizzare un evento come quello di sabato per me, e per il sito, è un grande traguardo, davvero. E la cosa mi ha commosso non poco, anche se forse la cosa non “traspariva” :)
Sapere che ci sono tante persone che seguono e apprezzano il sito, che lo utilizzano per suonare, per cantare, per fare ricerca, per fare didattica è la molla che mi spinge, da quando esiste il sito, a continuare ad aggiornarlo, ad inserire canti, ad organizzarlo in modo sempre più preciso, perchè il nostro obiettivo rimane sempre quello di fornire uno strumento di consultazione agile e funzionale. E forse ci stiamo riuscendo, grazie al vostro aiuto.

E poi c’è il piacere, immenso, di conoscere, finalmente dal vivo, molte persone con cui purtroppo si hanno in genere solo contatti telematici (email, chat o facebook) e in questo la mia “insularità” certo non mi aiuta.
Sono persone importanti, che tengono “vivo” il sito, persone con cui si condivide una passione musicale, culturale e politica, ovviamente ognuno con le proprie peculiarità. Ma se ci siamo ritrovati tutti insieme sabato, se siamo stati bene, se ci siamo divertiti, evidentemente c’è un sostrato comune, che ci lega.
La mia speranza è che eventi come questo raduno possa essere un’occasione anche per creare legami più stabili di collaborazione (e con alcune persone si è già parlato di questo). Perchè il sito cresce, ed è cresciuto, solo perchè voi ci aiutate, segnalandoci canti, informazioni e molto altro.

Presto proporremo qualche progetto interessante per il sito, ci auguriamo che il raduno possa essere un trampolino di lancio per la creazione di una rete di collaboratori che ci aiuti :)

E adesso.. non posso esimermi dal fare una serie di ringraziamenti.
Prima di tutto voglio ringrazia Pardo. Se il raduno è riuscito così bene è solo grazie a lui, che ha tirato su l’organizzazione. Ma non solo.. in questi due giorni in cui sono stato con lui sono stato benissimo, mi ha messo a mio agio, mi ha fatto sentire un amico come se ci conoscessimo da anni, eppure ci siamo visti per la prima volta tre giorni fa. Si è dimostrato una persona generosa, sincera, come se ne trovano davvero poche. Una persona veramente bella, non smetterò mai di ringraziarlo. Un abbraccio forte, Pardo.
Un ringraziamento speciale a Roberta, che da un anno a questa parte ha la pazienza di aiutarmi (e sopportarmi) col sito e mi ha aiutato a realizzare questo raduno, anzi direi che abbiamo organizzato insieme. Senza il suo aiuto anche il sito sarebbe diverso, quindi.. grazie.
Un ringraziamento a Leonardo, che ci ha raggiunto da Vicenza, nonostante qualche difficoltà, e come sempre è stato dolcissimo e simpaticissimo.
Un ringraziamento ai compagni del Circolo Astra, che ci hanno messo a disposizione il circolo, sono stati disponibilissimi e hanno organizzato una cena veramente ottima.
Vorrei ringraziare tutti i musicisti, o comunque tutti coloro che hanno suonato durante questa serata (mi escludo del novero dei musicisti ;) ). A parte le penose esibizioni del sottoscritto, quindi, un ringraziamento a Pardo, ad Antonio “peapeo” (il polistrumentista!), i sonatori della Boscaglia, Marco Del Giudice (che ha sopportato i miei errori madornali alla chitarra).
Un ringraziamento a Riccardo Venturi, che ho avuto finalmente il piacere di conoscere e che ci ha allietato col suo cantare (multilingue!).
Un ringraziamento va anche a tutti coloro che non hanno potuto partecipare. Speriamo che la prossima volta ci si possa ritrovare tutti insieme.

E infine.. un ringraziamento a tutti quelli che hanno partecipato. Il raduno l’avete fatto voi, noi ci siamo limitati a occuparci delle questioni logistiche, il resto l’avete fatto voi. Partecipando, cantando, anche solo battendo le mani o regalandoci i vostri sorrisi e, perchè no, i vostri complimenti. Perchè ne abbiamo ricevuti tanti, non so se giustificati o no. Noi cerchiamo solo di fare il nostro “dovere”, con un piacere e una passione che ci aiuta ad affrontare anche momenti “difficili”.
Ci ha commosso l’accoglienza che abbiamo trovato e quindi, per tutto quanto ho detto fino ad ora, non smetterò mai di ringraziarvi, davvero.
Un abbraccio a tutti.

Al prossimo raduno!

Condividi questo articolo!

Commenti (2)

Violadelpensiero14 luglio 2009, alle 15:40

Son dovute passare un po’ di ore dal mio rientro (caotico, causa sciopero dei ferrovieri…ma ci sta!) affinchè riuscissi a metabolizzare quel tanto impressioni, pensieri, emozioni, che il raduno di Livorno mi ha suscitato a raffica e in modo forzatamente confuso. Probabilmente questo processo non è ancora concluso, e il risultato di questo commento sarà di conseguenza.
La gratitudine che Sergej esprime nel suo post per tutti i protagonisti (e tutti lo sono/siamo stati) dell’evento la sento anche io profondamente e la condivido senza mezzi termini.
Siccome sono la sentimentale della situazione vi posso dire in modo timido ma convinto che vi voglio bene, e che questo sentimento possa scaturire semplicemente dall’aver cantato, suonato, parlato, ascoltato, mangiato, bevuto insieme…mi sembra qualcosa di normale e allo stesso tempo speciale, soprattutto per la semplicità e la fluidità con cui tutto questo è avvenuto.
Abbiamo vissuto, ci avete fatto vivere, un’esperienza straordinaria, per me, per noi, che nella vita non siamo certo “organizzatori di eventi”, che non ci capiamo niente di “pubblic relation”, che ci siamo dovuti inventare tutto. Mi sono trovata, la mattina dopo, davanti alla tazza di caffè preparato dallo splendido nostro ospite Pardo, a chiedermi se non avessi sognato e tutto dovesse ancora avvenire. Io, che sono sognatrice…oltre che collaboratrice ;-)
Sergej mi tira in ballo in due punti del suo post, e mi ringrazia pubblicamente: posso solo rispondergli che se non esistesse il SUO Deposito, io questa cosa del raduno non l’avrei vissuta, come non avrei vissuto questo anno e mezzo di colaborazione, che ha per certi aspetti dell’eccezionale. Per cui tragga lui le conseguenze…

Roberta

Fabio16 luglio 2009, alle 22:39

Ottimo raduno, grande serata. Peccato averci messo 10 ore per arrivare a Pavia il giorno dopo. Ma ne è valsa la pena pienamente. Un saluto a tutti e grazie di cuore

Lascia un commento

Il tuo commento